Giorni dalla firma tra Italcementi ed i Comuni

NON HANNO FIRMATO I SINDACI DI : Paderno d'Adda e Solza . HANNO FIRMATO : Calusco d'Adda, Cornate d'Adda, Imbersago, Medolago, Parco Adda Nord, Robbiate, Verderio Inferiore, Verderio Superiore, Villa d'Adda, Dopo più di 1.000 giorni dalla firma ,il 4 Maggio 2012 non si hanno notizie sulla ferrovia . Solo ombre su questo accordo fantasma , polvere , puzza, inquinamento . http://calusco.blogspot.it/2012/05/comunicato-stampa-tavolo-italcementi.html

Countdown alla ferrovia

il tempo e' finito del collegamento ferroviario nessuna notizia ,Piu' di 1.000 giorni TRE ANNI e nulla di fatto, meditate .

Thursday, October 02, 2008

Italcementi. "Stufi di essere presi in giro"

Italcementi. "Stufi di essere presi in giro"

Di Marco Tonarelli *, giovedì 02 ottobre 2008



Ci hanno scritto gli operai
Ciao Matteo, ti mando questa mia a nome di alcuni operai Italcementi. Come lavoratori Italcementi intendiamo soffermare l'attenzione dei lettori sui recenti sviluppi della vertenza che coinvolge il nostro stabilimento di via Frassina.

Dopo i proclami esaltanti fatti dal sindaco nel comunicato ufficiale uscito il 19 settembre, a seguito dell'incontro avvenuto in comune tra azienda istituzioni locali e sindacati in cui tutto sembrava risolto ("una soluzione che accontenta tutti"), oggi cominciamo a fare i conti con i fatti e non con le parole.

Le parole recitavano press'a poco così: mobilità volontarie, trasferimenti, 5 lavoratori a Progetto Carrara (contemplati nell'accordo di acquisto di cava foce), 11 lavoratori a libro paga di Italcementi fino alla risoluzione della vertenza, che vuol dire reindustrializzazione del sito di via Aurelia e garanzie di posti di lavoro in loco.

Se per le mobilità volontarie tutto si è risolto come preventivato (più per paura di cosa sarebbe potuto succedere in futuro che non per scelta di opportunità), per i trasferimenti le promesse non si sono rivelate tali, poiché non subito attuabili, ma vincolati a periodi di mobilità di 1 o 2 anni, e, la possibilità di trasferimento di 5 lavoratori a Progetto Carrara, si è infranto del tutto, poiché sempre più insistente l'ipotesi che non si tratti di quest'ultima ma di ditte appaltatrici che gravitano intorno alla costruzione della strada dei marmi, cosa di cui non si era mai parlato in nessun accordo e, a nostro avviso, una soluzione meno tutelante rispetto ad opportunita lavorative in loco e di lungo periodo.

Ultimo e non ultimo, l'ipotesi di libro paga aperto fino alla risoluzione della vertenza, comincia a vacillare, non essendo supportati rispetto a questa eventualità di un protocollo sottoscritto dalle parti. A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.

La domanda sorge spontanea: noi lavoratori, non ci abbiamo capito niente o qualcuno cerca di farci ingoiare dei rospi facendoli passare per tordelli? Qual è la verità vorremmo saperlo un volta per tutte. E' avvilente dover subire una perdita del lavoro e, al contempo, essere presi per i fondelli un po' da tutti.

Il sindaco, che si è fatto promotore e portavoce di quest'ultima radiante soluzione della vertenza, che si rende alla faccia di tutti sempre disponibile, e i sindacati, che come noi credo rimangono spiazzati da questi continui volta faccia, mantengano le promesse fatte, le sottoscrivano e le presentino ufficialmente.

Italcementi (che per 70 anni ha guadagnato su questo territorio, per lei decine e decine di lavoratori si sono spaccati la schiena ed ingoiato polvere e fumo del suo camino) aveva garantito nei primi incontri di questa vertenza che non lasciava Carrara con un problema occupazionale irrisolto. Ad oggi i posti di lavoro persi sono già 20, guardiamo di perdere anche quelli che restano e avremo fatto tutti una degna figura.

Marco Tonarelli
(*) Dipendente Italcementi Carrara

No comments:

Loading...

Labels