Giorni dalla firma tra Italcementi ed i Comuni

NON HANNO FIRMATO I SINDACI DI : Paderno d'Adda e Solza . HANNO FIRMATO : Calusco d'Adda, Cornate d'Adda, Imbersago, Medolago, Parco Adda Nord, Robbiate, Verderio Inferiore, Verderio Superiore, Villa d'Adda, Dopo più di 1.000 giorni dalla firma ,il 4 Maggio 2012 non si hanno notizie sulla ferrovia . Solo ombre su questo accordo fantasma , polvere , puzza, inquinamento . http://calusco.blogspot.it/2012/05/comunicato-stampa-tavolo-italcementi.html

Countdown alla ferrovia

il tempo e' finito del collegamento ferroviario nessuna notizia ,Piu' di 1.000 giorni TRE ANNI e nulla di fatto, meditate .

Wednesday, January 09, 2008

Calusco: Italcementi poco attenta a Calusco

Calusco: Italcementi poco attenta a Calusco
Di Vercingetorix
italcIl gigante buono (o non buono, per altri). Così in molti definiscono a Calusco d’Adda l’Italcementi. La maggiore industria del paese, l’azienda che impiega il maggior numero di impiegati sul territorio, l’azienda con il grande cementificio all’avanguardia. Insomma una presenza importante ma ingombrante che ha notevoli ricadute sul territorio in termini ambientali: la cava di Monte Giglio, la ciminiera con le sue emissioni (seppure controllate, la galleria sotto il Monto Canto, la teleferica, le centinaia di camion che vanno avanti e indietro tutti i giorni. Italcementi è una multinazionale che pensa agli affari suoi e punta al maggiore profitto, e come dire non è un ente di beneficenza. Una realtà che risulta difficile da “maneggiare” per qualsiasi amministrazione, con la quale sembra che tutti gli amministratori che fin qui si sono succeduti abbiano un timore reverenziale. Tutto questo per dire che – a nostro avviso- Italcementi molto prende ma poco dà a Calusco e all’isola in generale. smogbusterOvvero Italcementi molto si adopera per iniziative di promozione e valorizzazione ambientale, da molte parti tranne che a Calusco. Alcuni esempi. Italcementi ha brevettato un cemento speciale che si chiama TX un cemento foto catalitico che serve ad assorbire l’inquinamento “Con le sue proprietà disinquinanti e autopulenti, è il sigillo di qualità per i prodotti cementizi foto attivi realizzati per migliorare la vita nelle nostre città” spiega Italcementi nel suo sito qui. Per spiegare cosa è TX anche ai bambini Italcementi ha creato un sito che si chiama Smogbuster (vedi qui) dove c’è pure un giochino interattivo per i più piccini. Italcementi ha sponsorizzato l’ammodernamento della galleria del Tritone a Roma che è divenuta ecocompatibile (vedi qui) e la pavimentazione di Borgo Palazzo. Ma ci chiediamo perché non sponsorizza o comunque incentiva l’uso di questo cemento “ecologico” miracoloso anche nel paese del cemento per eccellenza cioè Calusco. Perché per esempio la galleria della variante Carvico – Villa d’Adda (che passa accanto alla cava di Monte Giglio) non è stata rivestita con il cemento TX? Perché le strutture di Italcementi a Calusco non sono realizzate con cemento TX? Perché non fare di Calusco un modello di edilizia eco compatibile (almeno per le nuove costruzioni e le pavimentazioni)? Abbiamo letto di manager di Italcementi che studiano le piste ciclabili e propongono progetti nella Gera d’Adda (vedi qui). Ma perché non fanno qualcosa di simile a Calusco d’Adda e nell’Isola? Abbiamo letto del progetto di mobilità di Italcementi a Bergamo dove l’azienda, con determinate condizioni economiche, fornisce motorini elettrici ai suoi dipendenti per dare un contributo alla mobilità sostenibile. E perché non lo fa anche con i suoi dipendenti di Calusco d’Adda, paese notoriamente in pianura che si presterebbe all’uso dei motorini elettrici. Perché?
Il problema è che Italcementi non dà nulla di propria iniziativa a Calusco o a Calusco (e comuni circostanti) non c’è nessuno che osa chiedere?
postato da: terradadda alle ore 08:55 | link | commenti

1 comment:

Anonymous said...

la vecchia amministrazione di Calusco ha fatto molto per chiederead italcmenti assienme ai comuni vicini, l'attuale amministrazione se ne frega! E' una vergogna

Loading...

Labels